ELVIS COSTELLO: Goodbye Cruel World

Esecutore: Elvis Costello and the Attractions

Autore: Elvis Costello

Numero dischi: 1

Barcode: 0821797143219

LP
Pop/Rock
2016
MFSL1-432
2016-10-01
44,00 €
Tasse incluse
Quantità
Non disponibile

 

Spedizione gratuita per ordini superiori a 70 €

 

Dischi al sicuro grazie ai nostri imballaggi

 

Spedizione in 1 giorno lavorativo

Elvis Costello si trovava in una situazione tutt’altro che facile quando iniziò a scrivere Goodbye Cruel World, in quanto durante la realizzazione di questo disco il suo matrimonio naufragò definitivamente. Questo album vide la luce in quelli che Costello definì i “terribili anni Ottanta”, un periodo in cui i video musicali iniziarono a mettere in secondo piano la qualità delle canzoni, il governo del Regno Unito – suo paese natale – prese parte a diversi conflitti molto controversi e la minaccia nucleare si estese sulla vita quotidiana di tutti gli uomini e le donne del mondo come una cupa nube nera. Cosa poteva salvare Costello di questo periodo? Alcune canzoni che possono essere annoverate tra i lavori più felici scritti dal celebre cantautore inglese e un album passato quasi inosservato, che oggi appare più attuale e attraente che mai. I miglioramenti sonori garantiti da questa nuova rimasterizzazione su LP da 180 grammi a tiratura limitata della OMR consentono di apprezzare in una prospettiva del tutto nuova i brani di volta in volta graffianti e arguti di Costello, che spaziano da una delicata nostalgia romantica a un esplicito desiderio erotico. Prodotto dal collaudatissimo team formato da Clive Langer e da Alan Winstanley, Goodbye Cruel World mette in evidenza il perbenismo di quegli anni, ma a un ascolto più attento rivela anche una profonda malinconia, un intimo dolore e una commovente sincerità. Questi aspetti emergono soprattutto in diversi brani che vedono protagonisti il sassofonista Gary Barnacle, il trombonista Jim Paterson e il percussionista Luis Jardim, le prime guest star di livello assoluto ad aver mai preso parte a un album della Attractions. Grazie al prezioso contributo fornito da altri strumentisti, Costello accompagna gli ascoltatori in una miriade di stili diversi, spaziando dalle chiassose sonorità del rock new wave (“The Deportees Club”) ai ritmi saltellanti del blues di New Orleans (“Sour Milk Cow Blues”) e alle morbide atmosfere del pop intriso di jazz (“The Only Flame in Town”). Il programma si conclude con “Peace in Our Time”, una canzone dai toni meditativi ma dai contenuti molto ottimistici, il cui testo mantiene un’incredibile attualità anche ai giorni nostri; Costello concepì questo brano come l’ultima parte di una trilogia ricca di messaggi socio-politici, che era iniziata qualche anno prima con “Shipbuilding” e “Pills and Soap”. Questo brano è in grado di giustificare ampiamente il prezzo di un disco che attende da molti anni di essere rivalutato ai massimi livelli.

Tracklist

The Only Flame In Town
Home Truth
Room With No Number
Inch By Inch
Worthless Thing
Love Field
I Wanna Be Loved
The Comedians
Joe Porterhouse
Sour Milk Cow Blues
The Great Unknown
The Deportees Club
Peace In Our Time

16 altri prodotti nella stessa categoria:

arrow_upward