BACH: The Keyboard Concertos

Esecutore: Glenn Gould, tastiere

Autore: Bach

Numero dischi: 3

Barcode: 4260019714497

Speakers Corner
LP
2013
SC-MS1
2013-12-01
85,00 €
Tasse incluse
Quantità
Non disponibile

 

Spedizione gratuita per ordini superiori a 70 €

 

Dischi al sicuro grazie ai nostri imballaggi

 

Spedizione in 1 giorno lavorativo

 

Nel corso degli ultimi decenni sono stati compiuti numerosi tentativi per descrivere nel modo più calzante possibile la complessa personalità di Glenn Gould e lo stile sorprendente e non di rado eccentrico delle sua interpretazioni. Che lo si voglia considerare un maniaco ricco di sensibilità, un individualista nevrotico o un incontestabile genio, Gould continua ad attirare l’attenzione, a provocare e ad affascinare gli appassionati anche dopo la sua morte avvenuta nel 1982. Nel 1964 il pianista canadese pose fine alla sua carriera concertistica, ritenendo del tutto inaccettabile l’idea di esibirsi di fronte al pubblico e preferendo concentrarsi sulle registrazioni in studio. Ai compositori del Classicismo viennese, che non prese mai troppo sul serio (per quanto le sue esecuzioni riflettessero in maniera molto evidente il concetto ritmico di Beethoven), Gould preferì di gran lunga le opere di Johann Sebastian Bach, compositore che scelse come suo nume tutelare. Il proverbiale rigore di Gould permette di apprezzare anche i più piccoli dettagli di queste celebri partiture. In particolare, il pianista canadese delinea con incredibile precisione le complesse linee architettoniche bachiane, con una insuperabile articolazione che consente di portarne alla luce anche le sfumature più intime. Non ci troviamo di fronte a una interpretazione rispettosa della passi filologica, ma di una lettura creativa realizzata da un pianista che si propone anche come compositore aggiunto, in grado di esprimere lo spirito più autentico di queste opere con una vitalità e una tavolozza sonora fino ad allora assolutamente inimmaginabili. Nel 1980, in occasione dell’uscita della 80th Birthday Edition, il critico musicale Werner Theurich scrisse: «nessuno ha mai eseguito queste opere in maniera più sognante o intensa. Il fatto che le interpretazioni di Glenn Gould siano un vero e proprio paradiso in terra è sotto gli occhi e nelle orecchie di tutti. Tutto il resto è pura musica».

 

 

 

Registrazione effettuata nell’apri9le del 1957, nel maggio del 1967 e nel febbraio del 1969 presso lo Studio della Columbia della 30th Street di New York da Fred Plaut.

Tracklist

Johann Sebastian Bach (1685-1750)
Concerto n. 1 in re minore per pianoforte e orchestra BWV 1052
Concerto n. 3 in re maggiore per pianoforte e orchestra BWV 1054
Concerto n. 4 in la maggiore per pianoforte e orchestra BWV 1055
Concerto n. 5 in fa minore per pianoforte e orchestra BWV 1056
Concerto n. 7 in sol minore per pianoforte e orchestra BWV 1058
Ludwig van Beethoven (1770-1827)
Concerto n. 1 in do maggiore per pianoforte e orchestra op. 15

16 altri prodotti nella stessa categoria:

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno comprato anche:

arrow_upward