HANDEL: Abbandonata - cantate italiane

Esecutore: C.Sampson; The King's Consort

Autore: Handel

Numero dischi: 1

Barcode: 0735850544847

Vivat
CD
2018
VIVAT117
2018-10-01
16,99 €
Tasse incluse
Quantità
  • done Spedizione gratuita per ordini superiori a 70 €
  • done Dischi al sicuro grazie ai nostri imballaggi
  • done Spedizione in 1 giorno lavorativo

In questo straordinario disco, il celebre soprano Carolyn Sampson, accompagnata dal King’s Consort diretto da Robert King, formazione che l’ha accompagnata in tutta la sua luminosa carriera artistica, volge la sua attenzione su due delle cantate più drammatiche di Georg Friedrich Händel, entrambe basate su una donna abbandonata. Durante il suo soggiorno in Italia, tra il 1706 e il 1710 il giovane Händel maturò in maniera impressionante, aprendo gli occhi e il cuore agli stili allora in auge nel nostro paese. L’esperienza di ascoltare musica italiana eseguita da musicisti italiani nei palazzi, nelle chiese e nei teatri italiani deve essere stata un’esperienza estremamente rivelatoria per il grande compositore sassone. Questi influssi trovano la loro espressione più viva e compiuta nelle sue cantate giovanili italiane. In Armida abbandonata la protagonista tenta inutilmente di dimenticare l’uomo che l’aveva crudelmente abbandonata. In questa cantata vengono tradotti in musica in maniera magistrale tempeste, passioni, mostri, una lancinante malinconia, un inestinguibile dolore e una febbrile angoscia, che alla fine lasciano spazio a una amara rassegnazione. Emozioni ancora più intense emergono da Agrippina condotta a morire. La madre del folle imperatore Nerone appare infatti non solo bella, ma anche senza regole, ambiziosa, spietata, manipolatrice e addirittura violenta. Dopo aver capito di essere stata condannata a morte dal suo stesso figlio, Agrippina vive un’incredibile serie di emozioni, che vanno dall’incredulità, al senso di ingiustizia, alla furia, al risentimento, al dolore, alla consapevolezza di essere stata crudelmente tradita, al desiderio di resistere, all’orgoglio, all’autocommiserazione, all’umiliazione, alla smania di vendetta e – infine – a una sfinita rassegnazione. In questa cantata Händel si spinge oltre ogni confine, utilizzando tecniche compositive che nei decenni successivi sarebbero state riproposte in una serie di opere di straordinaria originalità. Carolyn Sampson riesce a esprimere con stupefacente realismo l’intensa drammaticità che caratterizza queste opere, sfoggiando un’interpretazione impeccabile sotto tutti i punti di vista. Questo disco è stato registrato presso la Alpheton New Maltings, una nuova sala di livello internazionale, caratterizzata da una acustica di eccezionale trasparenza e grande calore. L’ampio booklet di 60 pagine comprende le note di copertina tradotte in tre lingue di Ruth Smith, i testi delle cantate con le relative traduzioni e ben sei pagine di fotografie delle sessioni di registrazione.

Tracklist

Georg Friedrich Händel (1685-1759)
Armida abbandonata HWV 105
Tra le fiamme HWV 170
Figlio dalte speranze HWV 113
Agrippina condotta a morire HWV 110

16 altri prodotti nella stessa categoria:

arrow_upward