Opere per piano di autori Israeliti

Esecutore: Kolja Lessing, piano

Autore: N/A

Numero dischi: 1

Barcode: 0761203529421

Cpo
CD
2019
CPO555294
2019-12-01
12,91 €
Tasse incluse
Quantità
  • done Spedizione gratuita per ordini superiori a 70 €
  • done Dischi al sicuro grazie ai nostri imballaggi
  • done Spedizione in 1 giorno lavorativo

Opere pianistiche di compositori israeliani

Dopo lo straordinario successo ottenuto dalla sua ultima registrazione dedicata a Carl Czerny pubblicata dalla CPO, Kolja Lessing volge la sua attenzione a un nuovo progetto pianistico di grande interesse. Il programma di questo nuovo disco comprende una scelta di opere dei compositori ebraici contemporanei Joachim Stutschewsky, Sergiu Natra, Mordecai Seter e Tzvi Avni. Quest’ultimo si è dedicato molto al repertorio pianistico e la sua vasta produzione per questo strumento riflette in maniera evidente i numerosi cambiamenti personali, artistici e politici di cui è stato testimone nel corso della sua lunga carriera compositiva, che è arrivata ad abbracciare ben sette decenni. Su questo sfondo si stagliano le due opere per pianoforte scritte da Avni negli ultimi anni a dispetto di qualunque problema: la Sonata brevis (2014) e la Dedication, composta nel 2016 per celebrare il primo centenario della nascita del suo maestro Mordecai Seter, che nel loro insieme assumono connotati chiaramente autobiografici. La riflessione sulla tradizione del canto ebraico risalente a millenni fa e lo sforzo per cercare di sviluppare una precisa identità nazionale furono le due colonne su cui venne costruito il repertorio musicale del nuovo stato di Israele, che ottenne l’indipendenza nel 1948, nel territorio della Palestina fino a quel momento amministrato da un mandato britannico. Lo sviluppo di una musica autenticamente israeliana, basata sulle convenzioni accademiche stratificatesi nel corso dei secoli in Europa venne reso possibile dall’esilio e dallo spirito indomito di molti eminenti compositori che si erano affermati nel corso degli anni Trenta e che nella loro nuova patria sfoderarono tutto il loro spirito pionieristico. Tra gli anni Trenta e Cinquanta nessun’altra terra d’esilio si dimostrò disponibile ad adottare le tradizioni musicali ebraiche come Israele e la Palestina; al di là delle posizione di ognuno sulla religione e sul sionismo, in queste regioni vennero prese seriamente in esame tutte le questioni relative all’identità israeliana, ponendo un occhio di particolare riguardo alla creazione di un nuovo repertorio musicale israeliano, basato su una vasta gamma di influenze provenienti da molti paesi diversi e in particolare dalla musica delle comunità ebraiche stanziate nelle nazioni dell’Europa orientale.

Tracklist

Opere di Joachim Stutschewsky, Sergiu Natra, Tzvi Avni, Ödön Pártos e Mordecai Seter

16 altri prodotti nella stessa categoria:

arrow_upward