Liriche Italiane Del Xx Sec Per Soprano

Esecutore: Emma Abate, piano; Kamelia Kader, mezzo

Autore: N/A

Numero dischi: 1

Barcode: 8051776570084

Urania
CD
2012
LDV14008
2012-09-01
14,50 €
Tasse incluse
Quantità
Non disponibile

  • done Spedizione gratuita per ordini superiori a 70 €
  • done Dischi al sicuro grazie ai nostri imballaggi
  • done Spedizione in 1 giorno lavorativo

I brani riuniti in questo CD, molti dei quali proposti in prima registrazione mondiale, ci aiutano a capire meglio il senso di un’importante stagione della musica italiana – quella compresa, grosso modo, tra le due guerre mondiali – che fu fertilissima di ricerche e di esiti, molti dei quali ancora largamente sconosciuti al grande pubblico. Con l’affermarsi, al principio del Novecento, dei musicisti della cosiddetta “Generazione Dell’Ottanta” (Respighi, Malipiero, Pizzetti, Casella e Alfano, tutti rappresentati in questo disco), la vecchia e gloriosa romanza da salotto cedette definitivamente il posto a un tipo di composizione per voce e pianoforte non più destinato a un consumo anche semiamatoriale, ma si propose sempre con elevati intendimenti estetici, rivisitando anche le opere dei grandi classici della poesia italiana del passato. È il caso, per esempio, di Francesco Petrarca, ai cui versi rivolgono la loro attenzione in questo disco sia Ildebrando Pizzetti sia Mario Castelnuovo-Tedesco, o del poeta fiorentino quattrocentesco Domenico di Giovanni, meglio noto con il soprannome di Burchiello, musicato dal più caustico tra i compositori della “Generazione dell’Ottanta”, Gian Francesco Malipiero, o, infine, di Giacomo Leopardi, intonato sia da Pizzetti sia da Castelnuovo-Tedesco, il quale mise addirittura in musica L’Infinito, cosa che nessun compositore italiano contemporaneo di Leopardi avrebbe mai osato fare. E se D’Annunzio, tra i contemporanei, costituisce ancora un polo di attrazione da cui è impossibile sfuggire, e a cui si rivolge – ancora non a caso – Ottorino Respighi, il più spregiudicato e innovatore Alfredo Casella dona sostanza musicale a due poesie arcinote del Premio Nobel della letteratura (1906) Giosuè Carducci, Pianto antico e Il bove, con esiti musicali di assoluta originalità, e a due liriche della poetessa russa Raissa Olkienizkaia-Naldi, che negli anni Venti del Novecento era entrata in contatto con la Corporazione delle Nuove Musiche fondata a Roma dallo stesso Casella insieme a D’Annunzio e Malipiero. In relativa controtendenza rispetto alle scelte più colte e intellettualmente meditate dei suoi colleghi, Franco Alfano si rifece invece ai testi della sconosciuta Miranda Bona e non trascurò neppure, come autore dei versi, l’amico musicologo Domenico De Paoli, uno dei protagonisti del rinnovamento della cultura musicale italiana degli anni Trenta.

Tracklist

Ottorino Respighi (1879-1936)
Van gli effluvi de le rose
Pioggia
Alfredo Casella (1883-1947)
Due Canti
- Pianto antico
- Il bove
Due Liriche
- Voluttà
- La danza
Franco Alfano (1876-1954)
Tre Liriche
- Felicità
- Messaggio
- Antica ninna-nanna partenopea
Tre Liriche
- Lungo la via del mare
- I miei piedi sono stanchi
- Scrivimi, amor mio
Gian Francesco Malipiero (1882-1973)
Quattro Sonetti del Burchiello
- Cacio stillato e olio pagonazzo
- Va in mercato, Giorgin
- Andando a uccellare
- Rose spinose e cavolo stantio
Ildebrando Pizzetti (1880-1968)
Oscuro è il ciel
La vita fugge e non sarresta unora
Mario Castelnuovo-Tedesco (1895-1968)
Tre Madrigali da Petrarca-Chopin
- Non al suo amante più Diana piacque
- Perchal viso dAmor portava insegna
- Nova angeletta sovra lale accorta
Linfinito
Due Sonetti del Petrarca
- Zefiro torna, e l bel tempo rimena
- Benedetto sia l giorno e l mese e lanno

16 altri prodotti nella stessa categoria:

arrow_upward