STRAUSS: Elektra

Esecutore: Solisti;London Symphony Orch. Gergiev

Autore: Strauss

Numero dischi: 2

Barcode: 0822231170129

Lso Live
SACD Ibrido
2012
LSO0701
2012-06-01
27,00 €
Tasse incluse
Quantità
 

Spedizione gratuita per ordini superiori a 70 €

 

Dischi al sicuro grazie ai nostri imballaggi

 

Spedizione in 1 giorno lavorativo

La LSO Live arricchisce il propria prestigioso catalogo con una superlativa versione dell’Elektra di Richard Strauss – considerata una delle opere più significative della prima metà del XX secolo – che vede assoluto protagonista Valery Gergiev alla testa di un cast di primissimo piano e di una London Symphony Orchestra in forma smagliante. Eseguita per la prima volta nel 1910 al Covent Garden di Londra sotto la bacchetta di Sir Thomas Beecham, l’Elektra è una delle prime opere in cui Strauss manifestò il suo straordinario talento melodico. Sotto l’aspetto stilistico, quest’opera presenta molte tecniche che all’epoca erano ancora considerate innovative, tra cui le dissonanze, il cromatismo e un impianto tonale estremamente libero. Il celebre letterato Hugo von Hofmannsthal rielaborò il tema dell’antica tragedia greca in un atto, che andò a costituire il libretto dell’opera. La vicenda è incentrata sul tragico personaggio di Elektra e sulla sua incrollabile determinazione di vendicare l’assassinio di suo padre. Ogni verso di Hofmannsthal è pervaso in maniera quasi ossessiva dai temi della morte, della violenza, della repressione sessuale e della vendetta. Considerata una delle interpreti più autorevoli e carismatiche del repertorio del Tardo Romanticismo tedesco, il soprano americano Jeanne-Michèle Charbonnet si è esibita di recente all’Opéra National di Parigi, al Teatro Real, alla Deutsche Oper, alla Fenice di Venezia e al Teatro Comunale di Firenze, ottenendo ovunque un grande successo sia di pubblico sia di critica. Nel corso della loro carriera, anche Angela Denoke e Dame Felicity Palmer si sono messe in grande evidenza nel repertorio straussiano. Queste grandi cantanti sono affiancate da Mathias Goerne, apprezzato specialista del repertorio liederistico, che dimostra di trovarsi del tutto a suo agio anche in ambito operistico. Su Valery Gergiev è quasi inutile aggiungere altre parole, oltre al fatto che la LSO Live ha appena pubblicato uno straordinario disco dedicato alle Danze sinfoniche di Sergei Rachmaninov e alla Sinfonia in tre movimenti di Igor Stravinsky e che nei prossimi mesi immetterà sul mercato l’attesissimo cofanetto con l’integrale delle sinfonie di Gustav Mahler. «Potendo contare su una London Symphony Orchestra dallo spettacolare virtuosismo e dalla assoluta partecipazione emotiva, Valery Gergiev porta la temperatura di quest’opera a livelli elevatissimi fin dalla prima esplosiva battuta, ottenendo un effetto dirompente […] Ritengo quanto meno improbabile che riusciate a trovare una versione live dell’Elektra eseguita con cura e attenzione paragonabile a questa» (The Daily Telegraph, recensione del concerto) «[Gergiev] si dimostra davvero eccellente fin dai sussulti delle prime battute e nella frenetica scrittura di Strauss […] Con il suo scintillante timbro sopranile, Angela Denoke tratteggia un luminoso ritratto della adamantina purezza della tormentata Crisotemide. L’Oreste di Matthias Goerne possiede un’autorevolezza giustamente introspettiva […] In ogni caso, tra tutti gli interpreti di questa magnifica edizione dell’Elektra la migliore è stata senza dubbio Felicity Palmer, assolutamente impareggiabile» (The Times, recensione del concerto) «Gergiev riesce a ottenere un’esecuzione di straordinaria bellezza da una sontuosa London Symphony Orchestra […] L’impareggiabile maestria con cui Felicity Palmer interpreta il monologo del sogno e la sua mente perversa ridotta a brandelli “come un vestito divorato dalle tarme” costituiscono due dei momenti più alti di questa magnifica interpretazione. Da parta sua, la Charbonnet sfoggia una linea di canto vibrante, di grande intelligenza e ricca di nuances» (The Observer, recensione del concerto) «Vestendo i panni di Clitennestra, Felicity Palmer ha raggiunto abissi di inaudita tragicità, mentre Angela Denoke si è rivelata veramente formidabile nel tratteggiare le sconvolgenti passioni che si celano dietro l’elegante tranquillità di Crisotemide» (The Guardian, recensione del concerto) «Questa è stata la notte della London Symphony Orchestra. La fiducia che Valery Gergiev prova nei confronti dei suoi musicisti è palpabile. Con le sue dita che accarezzano leggermente l’aria, quasi non fosse necessario dirigere con assoluta precisione la loro esecuzione» (The Arts Desk, recensione del concerto).

Tracklist

Richard Strauss (1864-1949)
Elektra

16 altri prodotti nella stessa categoria:

arrow_upward