Sir Barbirolli dirige Satie - Britten

Esecutore: Concertgebouw Orchestra Amsterdam

Autore: N/A

Numero dischi: 1

Barcode: 0749677125226

Testament
CD
2003
TES1252
2003-04-01
18,59 €
Tasse incluse
Quantità
Non disponibile

  • done Spedizione gratuita per ordini superiori a 70 €
  • done Dischi al sicuro grazie ai nostri imballaggi
  • done Spedizione in 1 giorno lavorativo
Satie: Gymnopedie N° 3 e N°1; Britten: Sinfonia da Requien, Op.20; Dvorak: Sinfonia N°7, Op.70

Una delle più nobili caratteristiche di Sir John Barbirolli fu la sua grande lealtà verso la Hallé Orchestra, fin dal primo momento in cui venne eletto come primo direttore nel 1943 sino alla sua morte del 1970. Se fosse stato un musicista più ambizioso egli avrebbe usato il suo periodo in cui era a capo della New York Philharmonic Symphony Orchestra (1937-1943) come base sulla quale costruire una carriera internazionale dopo la Seconda Guerra Mondiale, che gli avrebbe dato una fama più immediata e sicuramente una posizione finanziaria più solida.Questa suo coinvolgimento con un orchestra di provincia spinse alcuni a considerare Barbirolli come un musicista di rilevanza locale, questo giudizio venne anche da alcuni problemi che ebbe con lorchestra americana, nel suo difficile ruolo di successore di Toscanini. Egli diresse certamente grandi orchestre sia in Inghilterra che oltreoceano ma probabilmente fu solo nei primi anni del 60 quando tornò ad incidere con la EMI e stabilì una forte relazione con la Berlin Philharmonic Orchestra, che il suo vero valore venne compreso anche allestero. In Olanda ad esempio diresse più volte nel 50 la Hague Residentie Orchestra ma fu solo nel gennaio del 1969 che egli diresse la più importante orchestra olandese, la Concertgebouw di Amsterdam. Il suo debutto con questa orchestra il 22 gennaio fu un grande successo ed i giornali lo descrissero come un direttore di grande levaturae molti critici furono sorpresi che egli non fosse famoso nel mondo come Walter, Mengelberg o Toscanini. Il grande successo ad Amsterdam spinse quella grande orchestra a desiderare che tornasse per un'altra serie di concerti, ma non il destino decretò che non doveva accadere, perché Barbirolli morì un anno e mezzo più tardi, nel Luglio 1970.

16 altri prodotti nella stessa categoria:

arrow_upward