Martzy Esegue Mendelssohn - Mozart Etc

Esecutore: J.Martzy, violino;Philharmonia Orchestra

Autore: N/A

Numero dischi: 1

Barcode: 0749677148324

Testament
CD
2013
TES1483
2013-05-01
18,59 €
Tasse incluse
Quantità
 

Spedizione gratuita per ordini superiori a 70 €

 

Dischi al sicuro grazie ai nostri imballaggi

 

Spedizione in 1 giorno lavorativo

Il programma di questo splendido disco completa la ristampa curata dalla Testament di tutte le registrazioni realizzate per la EMI dalla straordinaria violinista ungherese Johanna Martzy e nello stesso tempo ripresenta due delle prime incisioni effettuate dal grande musicista tedesco Wolfgang Sawallisch, uno dei più sensibili accompagnatori della storia della musica sia come accompagnatore sia come pianista, nonché ispirato interprete della letteratura sinfonica del XVIII e XIX secolo. Per sottolineare l’importanza di questo disco, vale la pena di precisare che sia il Concerto in sol maggiore di Mozart sia questa versione del Concerto di Mendelssohn non furono pubblicate all’epoca e rimasero nel cassetto della casa discografica inglese e che grazie alla Testament vengono oggi presentati per la prima volta in Europa e negli Stati Uniti. Dopo aver realizzato alcune registrazioni per la Deutsche Grammophon, Johanna Martzy venne notata da Walter Legge, il producer più influente della EMI. Nel febbraio del 1954 nella cornice della Kingsway Hall di Londra ebbe luogo la sua prima registrazione per la Columbia, con la Philharmonia Orchestra diretta da Paul Kletzki che la accompagnò nel Concerto per violino e orchestra di Johannes Brahms, un disco di grande importanza che la Testament ha pensato bene di riproporre nel suo catalogo (TES1037). Nel mese di giugno si tennero altre sessioni di registrazione, che videro la Martzy incidere la Sonata in do maggiore per violino solo di Bach negli studios di Abbey Road e poi il Concerto in sol maggiore di Mozart e il Concerto in mi minore di Mendelssohn a Kingsway Hall con la Philharmonia Orchestra diretta da un Wolfgang Sawallisch allora appena trentenne. Da notare che questi due concerti non furono mai pubblicati. Nel mese di luglio la Martzy tornò ad Abbey Road per proseguire la sua straordinaria integrale di capolavori per violino solo di Bach con la Partita in re minore, che venne seguita dalle rimanenti quattro opere nel marzo, aprile e maggio dell’anno successivo. Pochi giorni prima del Natale del 1955 la Martzy incise una seconda volta il concerto di Mendelssohn a Kingsway Hall con la Philharmonia Orchestra diretta da Paul Kletzki (disponibile su TES1037); una sessione di registrazione fu dedicata alla cadenza e alla due celebri romanze per violino e orchestra di Beethoven. Nei mesi di settembre e di novembre del 1956 la Martzy e Antonietti fissarono su disco presso gli studi della Electrola di Berlino tutte le opere per violino e pianoforte di Schubert. Questa integrale segnò però la fine della carriera discografica della Martzy, perché nel frattempo il volubile, dittatoriale e assai poco compiacente Legge aveva perso interesse nei suoi confronti. È difficile trovare valide ragioni artistiche che possano spiegare la mancata pubblicazione dei concerti di Mozart e di Mendelssohn durante la vita della Martzy, perché si tratta di interpretazioni eccellenti sotto tutti i punti di vista. La Martzy eseguì queste due opere con grande temperamento e quando un’etichetta giapponese li presentò molti anni dopo per la prima volta su CD alcuni critici si spinsero al punto di affermare che l’interpretazione del concerto di Mendelssohn era nettamente migliore rispetto alla versione realizzata dalla Martzy con Kletzki (dalle note di copertina).

Tracklist

Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791)
Concerto n. 3 in sol maggiore per violino e orchestra K.216
Felix Mendelssohn (1809-1847)
Concerto in mi minore per violino e orchestra op. 64
Ludwig van Beethoven (1770-1827)
Romanza n. 1 in sol maggiore per violino e orchestra op. 40
Romanza n. 2 in fa maggiore per violino e orchestra op. 50

16 altri prodotti nella stessa categoria:

arrow_upward