• Nuovo

BEETHOVEN: Sinfonia N.9

Esecutore: Pittsburgh Symphony Orchestra, Manfred Honeck

Autore: Beethoven

Numero dischi: 1

Barcode: 0030911274122

SACD Ibrido
2021
RR741SA
2021-03-01
26,00 €
Tasse incluse
Quantità
  • done Spedizione gratuita per ordini superiori a 70 €
  • done Dischi al sicuro grazie ai nostri imballaggi
  • done Spedizione in 1 giorno lavorativo

La Reference Recordings è orgogliosa di presentare la celeberrima Nona Sinfonia di Ludwig van Beethoven in una nuova – e per molti addetti ai lavori – definitiva interpretazione di Manfred Honeck, alla testa della Pittsburgh Symphony Orchestra. Questo imperdibile titolo rappresenta una parte molto importante delle solenni celebrazioni che sono state organizzate per celebrare il 125° anniversario della fondazione dell’orchestra americana. Tra gli altri eventi in programma spiccano un intero fine settimana di celebrazioni musicali, che vedranno ovviamente grandi protagonisti sia l’orchestra sia Honeck, e l’uscita di un disco digitale il 27 febbraio 2021, data che segna il 125° anniversario del primo concerto tenuto dalla Pittsburgh Symphony Orchestra. Questo disco è stato registrato nella magnifica cornice della storica Heinz Hall, da sempre sede della Pittsburgh Symphony Orchestra, con una superba qualità sonora audiophile. Manfred Honeck firma anche in questo caso illuminanti note di copertina, nelle quali il direttore austriaco accompagna per mano gli ascoltatori alla scoperta della sua splendida interpretazione, oltre che della storia e della struttura musicale della sinfonia più famosa di Beethoven. Questo disco rappresenta l’undicesimo volume dell’acclamata collana Pittsburgh Live, una serie di splendidi SACD ibridi multicanale pubblicati dalla Reference Recordings con l’esclusiva tecnologia Fresh. Per rendersi conti dello straordinario valore tecnico e artistico di questa collana, basterà dire che nel 2015, nel 2016, nel 2018, nel 2019 e nel 2020 ha ottenuto altrettante nomination ai prestigiosi Grammy Awards. In particolare, nel 2018 il disco comprendente la Quinta Sinfonia di Dmitri Shostakovich e l’Adagio per archi di Samuel Barber si è aggiudicato ben due Grammy, uno come Migliore Disco Orchestrale e il secondo come Disco Classico con la Migliore Qualità Sonora. Conosciuta da 125 anni per il suo altissimo livello artistico, la Pittsburgh Symphony Orchestra ha una storia gloriosa, che l’ha vista spesso al fianco dei solisti e dei direttori d’orchestra migliori del mondo. Tra i direttori che si sono alternati sul suo podio nel corso del tempo si contano infatti alcuni nomi di grandissimo prestigio, tra cui Fritz Reiner, William Steinberg, André Previn, Lorin Maazel e Mariss Jansons. Questa tradizione di avere tra i propri direttori alcuni dei più grandi protagonisti del panorama concertistico internazionale è stata portata avanti nell’autunno del 2008, quando a ricoprire la carica di direttore principale della Pittsburgh Symphony Orchestra è stato chiamato il direttore austriaco Manfred Honeck. Nel corso degli anni la Pittsburgh Symphony Orchestra è sempre stata in prima fila nella valorizzazione delle opere di compositori contemporanei americani, presentando in prima esecuzione mondiale una serie di splendide opere commissionate ad autori del calibro di Mason Bates, Jonathan Leshnoff, James MacMillan e Julia Wolfe. Nel 1944 la Pittsburgh Symphony Orchestra ha tenuto a battesimo la Prima Sinfonia “Jeremiah” di Leonard Bernstein e nel 1986 Short Ride in a Fast Machine di John Adams. La Pittsburgh Symphony Orchestra ha una lunga e gloriosa tradizione nel campo delle registrazioni e delle trasmissioni radiofoniche dal vivo, che risale addirittura agli anni Trenta. E, con una lunga serie di tournée che l’hanno vista impegnata sia negli Stati Uniti sia all’estero dal 1900 – che comprende ben 37 tour internazionali – la Pittsburgh Symphony Orchestra è oggi considerata dalla stampa specializzata di tutto il mondo una delle orchestre più acclamate del pianeta. Questo disco – così come tutti gli altri volumi della collana Pittsburgh Live – è stato registrato e masterizzato dal team della Soundmirror, le cui registrazioni orchestrali, solistiche, operistiche e cameristiche sono stati insignite da oltre 130 nomination ai Grammy Awards – con numerose vittorie. Da oltre quarant’anni la Soundmirror collabora con alcune delle case discografiche più grandi del mondo, compresa ovviamente la Reference Recordings.

Christina Landshamer, soprano

Jennifer Johnson Cano, contralto

Werner Güra, tenore

Shenyang, basso

Mendelssohn Choir of Pittsburgh

Pittsburgh Symphony Orchestra, Manfred Honeck, direttore

Ludwig van Beethoven (1770-1827)

Sinfonia n. 9 in re minore op. 125 “Corale”

16 altri prodotti nella stessa categoria:

arrow_upward