JOHN COLTRANE: Impressions

Esecutore: John Coltrane

Autore: John Coltrane

Numero dischi: 1

Barcode: 4988031372425

Universal Japan
Jazz
2020
UCCI40005
2020-04-01
40,00 €
Tasse incluse
Quantità
  • done Spedizione gratuita per ordini superiori a 70 €
  • done Dischi al sicuro grazie ai nostri imballaggi
  • done Spedizione in 1 giorno lavorativo

Pubblicato dalla Impulse, Impressions è il settimo album di John Coltrane e contiene una serie di brani incisi tra il 1961 e il 1963. Registrate dal vivo nel corso delle “Evening in Hell” (come Rudy Van Gelder aveva appropriatamente definito le esibizioni che si tenevano nell’atmosfera piena di fumo del Village Vanguard), “India” e “Impressions” sono considerate dagli addetti ai lavori i vertici di questo splendido titolo. Sebbene avesse a disposizione solo una consolle di missaggio e un registratore a nastro sistemati su due tavoli accanto al palcoscenico, Van Gelder riuscì a conferire al quintetto di Coltrane un’immagine corposa e molto realistica. In “India” Dolphy suona il clarinetto basso e in “Impressions” il sax contralto, contribuendo a creare una tavolozza sonora che spinse Coltrane a suonare con un’intensità maggiore al solito. La ballata “After the Rain” vede alla batteria Roy Haynes e costituisce una di quelle incursioni nel genere solistico che sarebbero diventate una costante della fase centrale della carriera di Coltrane. Purtroppo, questo album non ha mai ottenuto il successo che avrebbe meritato a causa della mancanza di quel filo conduttore unitario che invece caratterizza il resto della discografia di Coltrane. Nonostante questo, si tratta di un titolo che non può assolutamente mancare nella collezione di ogni appassionato di jazz che si rispetti e di certo non solo per il fatto di presentare nel programma due brani registrati al Village Vanguard in una memorabile settimana di novembre.

Cos’è un UHQCD?

Per sei anni, dopo la nascita di HQCD, abbiamo continuato a fare numerosi tentativi per riprodurre l’audio con una qualità ancora più elevata. Abbiamo ricercato nuovi materiali e studiato modi per riprodurre l’audio con la massima fedeltà possibile. Dopo una serie di esperimenti, abbiamo deciso di adottare un approccio completamente nuovo, cambiando radicalmente il processo di produzione del CD stesso.

Abbiamo messo in discussione le convenzioni comuni sulla produzione di CD, che è rimasta in gran parte invariata in tutto il mondo per oltre 30 anni. Attraverso il nostro tentativo, che poteva sembrare un'idea peregrina, siamo arrivati alla massima qualità possibile – un livello che è certamente impossibile da ottenere con i dischi CD esistenti.

Caratteristiche del UHQCD

I dischi sono conformi alle specifiche CD e sono riproducibili sui tradizionali lettori di CD audio esistenti. Il processo di produzione del disco (di nuova concezione) evita il mascheramento della qualità del suono e offre un elevato piacere d’ascolto dell’audio di alta qualità, molto simile a quella che caratterizza il Crystal Disc.

 

CD convenzionali di alta qualità (HQCD)

Abbiamo sviluppato i nostri dischi CD audio convenzionali ad alta qualità con l’intento di migliorare la qualità dell’audio semplicemente aggiornando i materiali utilizzati nei comuni dischi CD, sostituendoli con altri di qualità superiore. Per esempio, per il substrato abbiamo utilizzato un policarbonato (un tipo di polimero) ad alta trasparenza e alta fluidità del tipo utilizzato per i pannelli LCD, mentre per lo strato riflettente abbiamo sostituito il comune alluminio a basso costo con una costosa lega ad alta riflettività dalle caratteristiche uniche.

John Coltrane, sax tenore

India

Up ’Gainst the Wall

Impressions

After the Rain

16 altri prodotti nella stessa categoria:

arrow_upward