Menù Principale

• Home

• Rivenditori

• Fornitori

Sfoglia Catalogo

• Dischi in Vinile

• Novità

• Generi

• Supporti

• Etichette

• Alta Fedeltà

novità

Servizi

• Newsletter

• Area Clienti

• Informazioni

• Area download

• Area stampa

• News

• Links

Offerte

• Offerte & Promozioni

Primo piano

DANS MON ÎLE - La musica francese incontra la Bossa Nova - GRV1027

Premi

• 5 stelle Musica

• Diapason D'Or

• Editor's Choice

• Audio Review - Musica in vinile

• Il Venerdì di Repubblica

Home >> Catalogo >> ASTOR PIAZZOLLA (1921-1992): PIAZZOLLA: Musica de Astor Piazzolla

CONTINUA LA TUA RICERCA

Autore/i:

 

Etichetta:

Genere musicale:

Scegli il Supporto desiderato:

Titolo:

 

Mese:

Anno:

Nuovi arrivi

Coming soon

Promozioni

Esecutore/i:

 

Codice:

 

[Codice: SC-BMS1202]

[Codice a barre: 0000001971199]

ASTOR PIAZZOLLA (1921-1992)

PIAZZOLLA: Musica de Astor Piazzolla

Esecutore: Bolivar Soloists

Etichetta: Berliner Meister Schallplatten

Genere: Folk

n.Dischi: 1

Formato: LP 180 gr.

 

€ 37,00

Aggiungi il tuo articolo al carrello e prosegui con l'acquisto.

 

«Ho incontrato i cinque componenti dell’ensemble Bolívar Soloists nel corso di una seduta di registrazione con Rolando Villazón e nel giro di pochi minuti sono rimasto conquistato dalla loro passione, dalla gioia con cui suonavano e dal loro stile esecutivo, che fondeva armoniosamente musicalità, virtuosismo e temperamento. Tutte queste caratteristiche si percepivano chiaramente in tutti i brani che seguivano. Dopo la fine della registrazione, non potei trattenermi dal chiedere loro se sarebbero stati disposti a realizzare un disco direct-to-direct con me, ma prima di ricevere una risposta dovetti spiegare loro il significato di questo termine. Nessuno di loro aveva la minima idea di cosa si trattasse e – in fondo – come avrebbero potuto? Dopo tutto, oggi tutti i dischi vengono realizzati con le tecnologie digitali più avanzate. Io, al contrario, avevo intenzione di registrare un disco utilizzando una tecnica rigorosamente analogica, ma questo – a ben vedere – non era nemmeno l’aspetto più importante del mio progetto. Fu così che spiegai ai musicisti di questo gruppo che non volevo solo che suonassero senza interruzioni un brano per volta ma tutto il programma del disco e che in fase di postproduzione non sarebbe stata corretta nemmeno una nota; in questo modo la seduta di registrazione avrebbe richiesto una concentrazione assoluta e la tensione non sarebbe dovuta scendere di un millimetro fino all’ultima nota. Inoltre dissi loro che avrebbero avuto sicuramente sensazioni diverse dopo aver ascoltato la registrazione sull’LP piuttosto che sul CD e che loro e il team dei tecnici del suono avrebbero dovuto lavorare a strettissimo contatto. In altre parole, feci loro capire che una registrazione direct-to-direct aveva un approccio completamente diverso rispetto a tutti gli altri dischi che avevano realizzato fino a quel momento. Dopo aver ascoltato con attenzione le mie parole, i Bolívar Soloists accettarono la mia proposta e decisero immediatamente che per un progetto così radicalmente innovativo non avrebbero potuto suonare che le opere del loro adorato Astor Piazzolla. Da quell’incontro trascorso qualche tempo, ma alla fine stabilimmo la data in cui avremmo registrato sette tanghi. La procedura per la realizzazione di un disco direct-to-direct è profondamente diversa da quella richiesta per i dischi normali. Dei quattro giorni utilizzati per l’incisione, il primo venne dedicato completamente alle prove e nello studio di registrazione non fu portato nemmeno un microfono. La ragione di questa scelta è molto semplice: i musicisti non possono dipendere da esigenze tecniche dalle possibilità di manipolare il suono con le tecnologie più moderne. Non è previsto alcun intervento di editing. Quello che ognuno suonava era esattamente uguale a quello che avrebbe ascoltato in seguito, niente di più e niente di meno. Non esiste alcuna possibilità di compromesso e la preparazione preliminare riveste un’importanza fondamentale. Il terzo giorno abbiamo effettuato il sound check. Anche i più piccoli dettagli – dalla disposizione dei musicisti al tipo di microfoni da utilizzare e dal livello sonoro alla valutazione dell’eco – sono stati controllati e ricontrollati più volte (per questo è stato utilizzato un registratore a nastro analogico) e poi ottimizzati, perché naturalmente la stessa cosa poteva essere applicata sia al team dei tecnici del suono sia ai musicisti. Una volta iniziata la sessione di registrazione, non si sarebbe potuto fare più nulla per modificare l’immagine sonora. La sera del terzo giorno ci siamo sentiti tutti pronti ad affrontare la registrazione il giorno successivo. Nonostante questo, abbiamo voluto fare un ulteriore esperimento, invitando alcuni colleghi e amici ad assistere alle sedute di registrazione. Il 17 gennaio del 2012 la nostra registrazione direct-to-direct ebbe finalmente inizio. I musicisti erano stati disposti in cerchio ed erano circondati da un piccolo pubblico. Il momento preciso dell’inizio della registrazione vera e propria costituì l’argomento di una breve discussione, perché i musicisti possono iniziare a suonare solo dopo che è stato tagliato il primo solco del disco. E a quel punto si è partiti e non c’è un’altra possibilità. I Bolívar Soloists si misero subito a suonare come diavoli – o come angeli, a seconda dei punti di vista. Abbiamo registrato cinque facciate in tutto, il lato A tre volte e il lato B due. Tra una registrazione e l’altra ci siamo presi un po’ di tempo per discutere su una serie di dettagli. Dopo aver portato a termine l’ultimo take (che nel nostro caso equivale alla registrazione di una intera facciata del disco), la tensione si è improvvisamente allentata e ci siamo abbracciati tutti con grande gioia. In quell’occasione, il violinista José Manuel ci ha confidato di non aver mai suonato così bene in tutta la sua vita. Una vera felicità, che ci ha confermato quanto sia utile e bello utilizzare questa particolare tecnica di incisione. Le ultime cose che ci rimanevano da fare erano scrivere il numero delle registrazioni sui dischi di lacca e tenere le dita incrociate perché non capitasse qualche incidente imprevisto durante il trasporto o all’azienda di stampaggio».

ANTEPRIMA D'ASCOLTO

ASTOR PIAZZOLLA (1921-1992): dello stesso autore...

ASTOR PIAZZOLLA (1921-1992)

PIAZZOLLA: Tangos del Angel y del Diablo

LP 180 gr.

€ 37,00

ASTOR PIAZZOLLA (1921-1992)

PIAZZOLLA: Adios nonino

CD

€ 9,90

ASTOR PIAZZOLLA (1921-1992)

PIAZZOLLA: Opere orchestrali

CD

€ 17,56

ASTOR PIAZZOLLA (1921-1992)

TANGO - ELEGIA PER CHI NON C'È PIÙ

SACD Ibrido Multicanale

€ 21,00

ASTOR PIAZZOLLA (1921-1992)

TANGO - ELEGIA PER CHI NON C'È PIÙ

CD

€ 19,50

Il carrello è vuoto!

COME IMBALLIAMO
I TUOI DISCHI

 

FRANZ LISZT (1811-1886): LISZT: Sonata in si minore e altre opere

€ 15,00

Username

Password

non ricordi la password ?

I più Venduti

I dischi più venduti di questo mese

1.

NN

Buste esterne giapponesi richiudibili per LP (50 pezzi)

2.

RAY CHARLES

RAY CHARLES: Fathead – Ray Charles presents David Newman

3.

AA.VV.

DANS MON ÎLE - La musica francese incontra la Bossa Nova

4.

OTTORINO RESPIGHI (1879-1936)

RESPIGHI: I Pini di Roma-Queen of Sheba

5.

THELONIOUS MONK

THELONIOUS MONK QUARTET: Monk's Dream

6.

DAVE BRUBECK

PRIVATE BRUBECK REMEMBERS

7.

PIOTR ILIC CIAIKOVSKY (1840-1893)

CIAIKOVSKY: Sinfonia n. 6 Patetica

8.

DMITRI SHOSTAKOVICH (1906-1975)

SINFONIA N. 5 OP. 47

9.

SARAH VAUGHAN

YOU'RE MINE YOU

10.

AA.VV.

EUROPA – ASIA

Tutti i Top Sellers >>

     
 

Sound and Music srl

SOUND AND MUSIC SRL - Via Mazzarosa 105 - 55100 LUCCA (LU) - P.IVA 01230860460 - Tel. 0583 581 327
Le immagini presenti nel sito sono registrate e sottoposte a Copyright © SOUND AND MUSIC SRL
E' fatto assoluto divieto di pubblicare, tutte o in parte, le immagini e/o i contenuti di questo sito, salvo espressa autorizzazione Copyright © 2010 Sound And Music - credits 2R Studio Web Solutions realizzazione siti web

Condizioni generali di vendita  |   Diritto di recesso