MASCAGNI: Mascagni in Concert

Esecutore: Filarmonica '900 Teatro R.Torino, Noseda

Autore: Mascagni

Numero dischi: 1

Barcode: 0095115178928

Chandos
CD
2013
CHAN10789
2013-09-01
17,56 €
Tasse incluse
Quantità
  • done Spedizione gratuita per ordini superiori a 70 €
  • done Dischi al sicuro grazie ai nostri imballaggi
  • done Spedizione in 1 giorno lavorativo

Sebbene oggi sia conosciuto soprattutto per la sua produzione operistica, Pietro Mascagni si dedicò con profitto anche ad altri generi. In questo nuovo titolo della collana Musica Italiana della Chandos viene proposta una bella antologia di opere da concerto scritte dal grande compositore livornese nella idiomatica interpretazione del tenore Luciano Ganci e della Filarmonica ’900 del Teatro Regio di Torino diretta da Gianandrea Noseda. Nella prima fase della sua carriera Mascagni profuse molte energie nella composizione di opere sacre. In particolare, il suo Padre nostro si aggiudicò il primo premio all’Esposizione Musicale di Milano del 1881 e venne recensito in termini molto lusinghieri dalla stampa livornese per «la spiccata vena melodica e la capacità di mettere in risalto le doti dei cantanti». Alcuni anni più tardi, nel 1894, Mascagni capitalizzò lo straordinario successo ottenuto dalla Cavalleria rusticana adattando la celebre melodia dell’Intermezzo come Ave Maria e aggiungendo in questo modo una nuova gemma alla sua produzione sacra. La Danzaesotica è un’opera sinfonica di grande interesse scritta in origine per la Società Filarmonica, un’orchestra di dimensioni piuttosto grandi che Mascagni aveva fondato nella città pugliese di Cerignola, che venne eseguita per la prima volta nel marzo del 1891 sotto la direzione dello stesso compositore. Mentre si trovava in Puglia, Mascagni scrisse Mein erster Walzer, un valzer per quartetto d’archi concepito secondo il modello del valzer viennese ma pervaso da una scrittura dai tratti gradevolmente melodici, che più che i fastosi saloni del Musikverein della capitale asburgica sembra evocare gli sconfinati spazi aperti della campagna pugliese. A proposito della Gavotta delle bambole, Mascagni scrisse: «Ho portato a termine questo piccolo brano, che in realtà è un pezzo davvero minuscolo, ma sono convinto che sia una miniatura deliziosa in grado di piacere al grande pubblico». L’anno successo, nel 1901, Mascagni compose le musiche di scena per il primo allestimento londinese di The Eternal City, un’opera teatrale ambientata a Roma negli ultimi anni del XIX secolo. In quel periodo l’Italia era scossa da forti tensioni politiche e socio-economiche. Nonostante questo e a dispetto dell’argomento dello stesso lavoro teatrale, incentrato su intrighi e cospirazioni, scrivendo queste musiche di scena Mascagni decise di concentrarsi esclusivamente su un aspetto romantico, mettendo in risalto l’amore che lega i due protagonisti. Visione lirica è una delle opere più significative dell’ultima fase della parabola creativa di Mascagni. Portato a termine nel 1921, questo breve poema sinfonico dallo stile simile a quello di Franz Liszt e di Richard Strauss trae ispirazione dalla statua di Santa Teresa scolpita da Gian Lorenzo Bernini e custodita nella Chiesa di Santa Maria della Vittoria di Roma. In quest’opera il compositore livornese seppe far coesistere passaggi dai toni estatici con sezioni meditative, che esaltano i valori della castità. L’ultima addizione al catalogo orchestrale di Mascagni fu L’apoteosi della cicogna, un brano scritto per essere eseguito nel balletto Fiori di Brabante (andato in scena per la prima volta nel febbraio del 1930) e caratterizzato da un’orchestrazione estremamente elaborata, come si può facilmente notare da alcuni episodi che sembrano alludere allo stile di Debussy e alle armonie del Tristano e Isotta di Wagner.  

 

La Filarmonica’900 e Gianandrea Noseda su Chandos:

 

GIUSEPPE VERDI

quattro pezzi sacri. inno delle nazioni

Barbara Frittoli, soprano; Francesco Meli, tenore

Orchestra e Coro del Teatro Regio di Torino, Gianandrea Noseda, direttore

CHAN10659 (CD alto prezzo)

 

NINO ROTA

opere orchestrali

Davide Botto, contrabbasso; Barry Douglas, pianoforte

Filarmonica ’900 del Teatro Regio di Torino, Gianandrea Noseda, direttore

CHAN10669 (CD alto prezzo)

«Gianandrea Noseda propone una lettura estremamente idiomatica, potendo contare su solisti e su un’orchestra torinese che rispondono con calorosa partecipazione» CRITICS’ CHOICE (Gramophone) IRR OUTSTANDING (International Record Review).

 

GOFFREDO PETRASSI

magnificat salmo ix

Sabina Cvilak, soprano

Orchestra e Coro del Teatro Regio di Torino, Gianandrea Noseda, direttore

CHAN10750 (CD alto prezzo)

CHORAL AND SONG CHOICE (BBC Music Magazine) «Gianandrea Noseda propone una splendida interpretazione, pervasa di una drammaticità molto coinvolgente» (International Record Review).

Tracklist

Pietro Mascagni (1863-1945)
Lapoteosi della cicogna
Visione lirica
Danza esotica
Padre nostro
Ave Maria
La gavotta delle bambole
Mein erster Walzer
Musiche di scena per The Eternal City

16 altri prodotti nella stessa categoria:

arrow_upward