JOHN HICKS: Hells Bells

Esecutore: John Hicks

Autore: John Hicks

Numero dischi: 1

Barcode: 5060149622896

Pure Pleasure
LP
Jazz
2019
PPSES8002
2019-04-01
32,00 €
Tasse incluse
Quantità
  • done Spedizione gratuita per ordini superiori a 70 €
  • done Dischi al sicuro grazie ai nostri imballaggi
  • done Spedizione in 1 giorno lavorativo

LP da 180 grammi stampato dalla Pallas, in Germania

Rimasterizzazione effettuata da Ray Staff presso l’Air Mastering di Lyndhurst Hall, Londra

 

«Nel corso della sua lunga carriera, John Hicks (1941-2006) diede moltissimo alla causa del jazz, ma purtroppo non riuscì mai a raggiungere il successo che meritava. Come pianista, si formò nelle università in cui insegnavano Art Blakey e Betty Carter. Hicks incarnò in qualche modo anche l’immagine del musicista al servizio dei musicisti, un pianista molto apprezzato dai grandi nomi del jazz e un magnifico accompagnatore di un gran numero di tenorsassofonisti di grande talento come Pharoah Sanders, Arthur Blythe, Chico Freeman, Archie Shepp e David Murray. Hicks fu accusato da alcuni di aver sfruttato l’aiuto di McCoy Tyner, un’accusa assai poco lusinghiera e del tutto falsa. In ogni caso, Hicks nutrì una profonda ammirazione per la musica di John Coltrane e si esibì in molti concerti in onore di questo tenorsassofonista, dimostrando sempre la sua profonda stima nei suoi confronti e un evidente apprezzamento per il concreto contributo offerto da McCoy Tyner ai brani migliori di Coltrane. Un altro aspetto della personalità artistica di Hicks, che ha suscitato persino meno attenzione tra il grande pubblico del suo stile esecutivo, è costituito dal suo talento nello scrivere brani di grande impatto, che sanno essere al tempo stesso brillanti e melodici, elegiaci e coinvolgenti, ma sempre memorabili. Non è facile immaginare un tributo ideale per onorare l’arte di John Hicks, anche perché – come jazzista – non era per nulla facile da catalogare. Se da un lato fu sempre un eccellente pianista, dall’altro, dall’altro si mantenne ai margini sia del free jazz sia del puro romanticismo, un fatto che non lo fece apprezzare appieno da nessuno dei cultori di questi generi. In ogni caso, Hicks seppe distinguersi in entrambi i campi esprimendo una notevole originalità. In ogni caso, Hicks fu sempre considerato un accompagnatore di altissimo livello» (AllAboutJazz.com).

Registrazione effettuata il 21 maggio del 1975 a Londra.

Tracklist

Lato A
1. Hells Bells
2. Avojca

Lato B
1. Yemenja
2. Angies Tune

16 altri prodotti nella stessa categoria:

arrow_upward