THE DOORS: Morrison Hotel

Esecutore: The Doors

Autore: The Doors

Numero dischi: 1

Barcode: 0753088500763

SACD Ibrido
Pop/Rock
2014
ASSACD75007
2014-04-05
37,00 €
Tasse incluse
Quantità
Non disponibile

 

Spedizione gratuita per ordini superiori a 70 €

 

Dischi al sicuro grazie ai nostri imballaggi

 

Spedizione in 1 giorno lavorativo

C'è chi dice di apprezzare solo il primo album, chi dice di apprezzare i primi due, insomma se ne sentono di tutti i colori. L'esperienza psichedelica di "The Doors" e "Strange Days" appartiene al passato. Qui siamo di fronte ad un album di rockblues elettrico.

"Morrison Hotel" è del 1970, e ai Doors piace nuovamente rimescolare le carte. Con "The Soft Parade" del 1969 hanno inserito una piccola orchestra; per molti "The Soft Parade" è l'album più debole della loro discografia, forse per quelle canzoni più deboli che certamente ci sono e hanno rovinano un po' l'album, anche se tutto il resto funziona abbastanza bene. Spazzata via l'orchestra, i Doors si chiusero in sala di registrazione e quello che ne venne fuori è un sound inedito nel loro repertorio, ma stavolta con ottimi risultati, sia musicali che commerciali.

E' proprio "Roadhouse Blues" ad aprire l'album, con la classica e trascinante melodia della chitarra e del piano elettrico. "Waiting For The Sun" non è un pezzo rock blues, ma ammalia lo stesso con la sua tastiera camuffata da uno strano effetto e per l'evocazione visionaria che emana, con lampi di sole in un cielo senza sole;

"You Make Me Real" è il classico pezzo rockblues e penso anche il cavallo di battaglia di Morrison; il pezzo comunque lascia spazio alla chitarra molto interessante di Krieger che per certi versi ricorda "Love MeTwo Times" di "Strange Days".

"Peace Frog" si basa su accordi stoppati di Krieger su un cantato ripetitivo che sfocia sempre sul classico giro rock blues; geniale il collegamento con "Blue Sunday" canzone decadente e sentimentale alla Frank Sinatra, dedicata alla sua compagna Pamela Courson. La prima facciata si conclude con "Ship Of Fools, sempre rock blues elettrico in cui il cantato di Morrison sembra essere più maturo e impegnativo.

Nella seconda facciata per riassumere c'è da citare "The Spy", pezzo interamente jazz molto bello e interessante, "Queen Of The Highway" un pezzo rock un po' malinconico a mio avviso, ma molto bello, "Indian Summer" un'altra melodia decadente e notturna con una chitarra che scivola su sfumature nostalgiche. "Maggie M'Gill",più rock che blues, conclude questo capolavoro dei Doors.

Una nota di merito va ai testi di Jim Morrison, sempre belli, visionari e altamente intellettuali, che funzionano sempre soprattutto se mescolati con una buona dose di musica che si chiama Doors.

16 altri prodotti nella stessa categoria:

arrow_upward