RACHMANINOV: Piano Concerto N.1 e altro

Esecutore: Matsuev, Mariinsky Orchestra, V.Gergiev

Autore: Rachmaninov

Numero dischi: 1

Barcode: 0822231858720

Mariinsky
Sacd Ibrido
2015
MAR0587
2015-09-01
19,50 €
Tasse incluse
Quantità
  • done Spedizione gratuita per ordini superiori a 70 €
  • done Dischi al sicuro grazie ai nostri imballaggi
  • done Spedizione in 1 giorno lavorativo

L’ultima uscita della Mariinsky Live propone le opere per pianoforte e orchestra di tre dei compositori russi più grandi di tutti i tempi nell’interpretazione del celebre Denis Matsuev accompagnato dall’Orchestra del Teatro Mariinsky di San Pietroburgo diretta da Valery Gergiev. Giustamente apprezzato per le sue intense interpretazioni dei capolavori del grande repertorio russo e soprannominato affettuosamente «l’orso siberiano con le zampe più veloci dell’Artico», Denis Matsuev ha realizzato per la Mariinsky Live diversi dischi salutati con unanime entusiasmo dalla stampa specializzata di tutto il mondo, tra i quali spiccano quelli comprendenti il Concerto n. 3 per pianoforte e orchestra e la Rapsodiasu un tema di Paganini di Sergei Rachmaninov. Il Concerto n. 1 per pianoforte e orchestra fu composto da un Rachmaninov ancora adolescente e – pur sembrando relativamente più estroverso rispetto ai concerti per pianoforte e orchestra della piena maturità – i suoi tre movimenti denotano in maniera molto chiara l’istrionismo, la spiccata vena melodica e il meraviglioso accompagnamento orchestrale che avrebbero caratterizzato le sue opere degli anni successivi. La stessa giocosità è presente nella versione riveduta del 1949 del Capriccio per pianoforte e orchestra di Igor Stravinsky, opera che venne eseguita per la prima volta nel 1929 con il compositore al pianoforte. Concepito come veicolo virtuosistico per lo stesso Stravinsky, questo lavoro è caratterizzato dalla presenza di una parte pianistica dai toni danzanti, piena di giravolte molto vigorose. Il programma è completato dal Concerto n. 2 per pianoforte e orchestra di Rodion Shchedrin – registrato alla presenza dello stesso autore – un’opera che presenta evidenti influenze della tecnica dodecafonica e del jazz. Quest’opera è dominata da cima a fondo da una sbrigliata scrittura virtuosistica e il Finale si apre in maniera molto sorprendente con un ensemble jazz comprendente tra gli altri strumenti un vibrafono e una batteria. A proposito di questo disco, Matsuev ha dichiarato in una recente intervista: «il nostro obiettivo era quello di presentare le opere di compositori russi vissuti in epoche diverse. Il Concerto n. 1 per pianoforte e orchestra di Sergei Rachmaninov è una delle mie opere preferite in assoluto. Rachmaninov compose quest’opera quando era ancora studente del Conservatorio di Mosca e – a dispetto della sua giovanissima età – seppe già rivelare tutto il talento che lo avrebbe consacrato tra i più grandi compositori della prima metà del XX secolo. Il Capriccio di Igor Stravinsky è un’opera brillante e pervasa da un meraviglioso senso dell’umorismo. Si tratta anche di un’opera dalle logiche quasi cinematografiche, in quanto è quasi possibile vedere le immagini evocate da questa musica mentre la si ascolta, un fatto che abbiamo cercato in tutti i modi di comunicare al pubblico. Shchedrin occupa un posto molto particolare nella tradizione musicale russa e ha preso parte attiva alle prove: abbiamo avuto la possibilità di parlargli, di scambiare idee con lui e di ascoltarne i consigli. Si è trattata di un’esperienza assolutamente indimenticabile».

Tracklist

Sergei Rachmaninov (1873-1943)
Concerto n. 1 in fa diesis minore per pianoforte e orchestra op. 1
Igor Stravinsky (1882-1971)
Capriccio per pianoforte e orchestra
Rodion Shchedrin (1932)
Concerto n. 2 per pianoforte e orchestra op. 35

16 altri prodotti nella stessa categoria:

arrow_upward