• Nuovo

MASAHICO TOGASHI - DON CHERRY - CHARLIE HADEN: Session in Paris "Song of Soil"

Esecutore: Masahiko Togashi, batteria e percussioni; Don Cherry, tromba, cornetto, flauto, percussioni; Charlie Haden, contrabbasso

Autore: Masahico Togashi - Don Cherry - Charlie Haden

Numero dischi: 1

Barcode: 0889397106126

Japan Import
Lp 45 Giri
Jazz
2024
JPLP6126
2024-07-01
55,00 €
Tasse incluse
Quantità
 

Spedizione gratuita per ordini superiori a 95 €

 

Dischi al sicuro grazie ai nostri imballaggi

 

Spedizione in 1 giorno lavorativo

Il grande percussionista giapponese Masahiko Togashi (1940-2007) crebbe in una famiglia di musicisti – il padre era un rinomato contrabbassista jazz – e trascorse la sua adolescenza negli anni Cinquanta suonando la batteria per artisti del calibro di Sadao Watanabe e Tony Scott. Negli anni Sessanta, con i suoi ensemble ricoprì un ruolo cruciale nello sviluppo del free jazz giapponese, dopo essere stato ispirato dalle registrazioni di Ornette Coleman e inoltre fu il cofondatore dell’influente Jazz Academy con il chitarrista Masayuki “JoJo” Takayanogi.

Nel 1969 un grave incidente automobilistico lo lasciò paralizzato dalla vita in giù, ma con l’aiuto di una sedia a rotelle e di una batteria appositamente progettata il suo viaggio musicale poté proseguire, e questa sessione di registrazione del 1979 segnò un punto decisivo nella seconda metà della sua carriera.  Registrato a Parigi nel 1979 con il suo trio, Song of Soil è un album contemplativo, con Togashi che adotta una posizione strutturale piuttosto che ritmica, e che regge più che bene il confronto con due stelle del free jazz. Il basso acustico di Charlie Haden è sottile ed empatico, lasciando spazio a un’interazione esplosiva tra Togashi e Don Cherry. Gli oltre 10 minuti di durata di “Oasis” lo vedono fornire un energico contrappunto percussivo alle frasi meditative della tromba di quest’ultimo. “Words Of Wind Part 2” abbina i suoi rulli ciclici di batteria al flauto di bambù di Cherry, mentre la lenta chiusura “Rain” imita ipnoticamente l’arrivo di un monsone. Il risultato complessivo di questo album è un’interpretazione inconfondibilmente “nipponica" delle esplorazioni free jazz di Ornette Coleman.

Il successo di critica (e, in Giappone, anche commerciale) di questa sessione esemplare ha portato a un’ondata di riconoscimenti internazionali per il batterista e a ulteriori collaborazioni con artisti del calibro di Steve Lacy, Jack DeJohnette, Mal Waldron e Paul Bley.

Song of Soil è stato ristampato più volte, ma mai con questa qualità sonora e su vinile da 180 grammi a 45 giri. Dal momento che si tratta di una sessione registrata in modo superbo, in cui lo spazio e il silenzio giocano un ruolo fondamentale, la qualità della rimasterizzazione e della stampa del vinile sono entrambe di alto livello. Un disco da conservare e ascoltare con estrema cura.

Masahiko Togashi, batteria e percussioni; Don Cherry, tromba, cornetta, flauto, percussioni; Charlie Haden, contrabbasso

June

Words of Wind – Part 1

Oasis

Song of Soil

Words of Wind – Part 2

Rain

16 altri prodotti nella stessa categoria:

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno comprato anche:

arrow_upward