• Nuovo

MICHAEL JACKSON: Thriller (Ultradisc One - Step LP)

Esecutore: Michael Jackson

Autore: Michael Jackson

Numero dischi: 1

Barcode: 0821797104227

LP
Pop/Rock
2022
MFSLUD2042
2022-12-01
150,00 €
Tasse incluse
Quantità
 

Spedizione gratuita per ordini superiori a 70 €

 

Dischi al sicuro grazie ai nostri imballaggi

 

Spedizione in 1 giorno lavorativo

La Mobile Fidelity celebra il 40° anniversario della prima uscita di Thriller di Michael Jackson

Ultradisc One-Step Pressing da 180 grammi

Rimasterizzazione effettuata a partire dal master analogico originale per una qualità sonora senza confronti

Fonte: master analogico da mezzo pollice / 30 IPS

Tiratura limitata a 40.000 copie numerate per tutto il mondo

Non è mai stato facile valutare nella giusta prospettiva l’impressionante impatto mediatico e la portata pionieristica di Thriller di Michael Jackson, l’album più venduto di tutti i tempi. Sebbene Thriller possa vantare statistiche strabilianti che dimostrano quanto sia indispensabile sia per gli intenditori più esigenti sia per gli ascoltatori meno informati, la sua essenza è sempre legata alla grandezza, alla potenza e alla portata della sua musica.

Oggi, in occasione del 40° anniversario della sua prima uscita, il disco che ha creato un’immagine del tutto nuova del pop, unito il pubblico di tutto il mondo, contribuito al raggiungimento della parità razziale, affermato il video come formato artistico e commerciale e insegnato al mondo a ballare appare ancora più rinvigorente di quanto non fosse all’epoca del Walkman.

Oggi, Thriller ha superato i 100 milioni di copie vendute in tutto il mondo.

Questo disco è stato rimasterizzato a partire dai nastri analogici digitali, stampato presso la RTI in 40.000 copie numerate per tutto il mondo. Questa ristampa della Mobile Fidelity su due UltraDisc Step-One da 180 grammi ha oggi per Thriller lo stesso impatto che ebbe per la carriera di Michael Jackson l’indimenticabile performance allo special televisivo Motown 25 del 1983, rendendo tutti i brani di questo album personali, umani, desiderabili e fantasiosi – in altre parole tutti gli aggettivi che possono definire il termine “cool”. Questa straordinaria ristampa riesce a raggiungere questo obiettivo conferendo a ogni brano in programma una eccezionale immediatezza, offrendo una definizione di incredibile precisione ed esaltando la brillantezza della produzione, degli arrangiamenti e delle voci, al punto da dare a tutti l’impressione di ascoltare Thriller per la prima volta.

Superando nettamente la qualità sonora di tutte le ristampe precedenti, questo doppio LP da 180 grammi della Mobile Fidelity cancella letteralmente tutti i limiti, offrendo una visione chiara e molto dinamica di un album che ha superato ogni barriera immaginabile e ha trasformato una volta per tutte la musica, la cultura e la società. L'ampiezza e la profondità del palcoscenico sonoro, la gamma di dettagli, le tessiture percussive, l’ariosità intorno alle voci e il naturale scemare delle note emergono con un realismo assolutamente stupefacente.

La lussuosa veste grafica con cui viene presentato questo doppio UltraDisc One-Step da 180 grammi contribuisce a renderlo un imperdibile oggetto di culto per collezionisti. Collocato in un cofanetto aperto, questo titolo presenta una speciale copertina stampata in lamina e una grafica assolutamente fedele all’originale, che esalta al massimo grado lo splendore della registrazione. Sia dal punto di vista sonoro sia da quello visivo, questa ristampa rappresenta un oggetto da preservare con la massima cura. È destinato ad ascoltatori esigenti che apprezzano la qualità del suono e della produzione e che desiderano immergersi completamente in tutto ciò che riguarda questo album.

Dal momento che nessun album pubblicato negli ultimi quattro decenni si avvicina alla grandezza di Thriller, tutto ciò che riguarda questo disco continua a rivestire la massima importanza. I numeri – compresi i 40 anni della sua prima uscita – non raccontano nemmeno la metà della storia. Infatti, a partire dal 1982 questo disco ha venduto più di 34 milioni di copie nei soli Stati Uniti, superando di gran lunga nel mondo i 70 milioni di copie. Thriller ha letteralmente dominato i Grammy Awards del 1984, aggiudicandosi un record di otto trofei e imponendosi in tutte le categorie principali. Questa impresa si è poi ripetuta in occasione degli American Music Awards. Sette delle sue nove canzoni sono state pubblicate come singoli e ognuna di esse è entrata nelle Top 10 internazionali. Il fatto più sorprendente è che Thriller rimase al vertice della classifica dei 200 album più venduti per ben 37 settimane in un lasso di 59 settimane complessive. A 24 anni di distanza dalla sua prima uscita, Thriller è stato l’album più venduto del 2008.

Gli innumerevoli riconoscimenti internazionali e la sterminata rassegna stampa contribuiscono a fornire un altro quadro di riferimento di questo album. Acclamato fin dal suo arrivo, Thriller ha conquistato la vetta del sondaggio Pazz & Jop proposto dal Village Voice nel 1983. Inserito nel National Recording Registry della Library of Congress e nella Grammy Hall of Fame, Thriller è stato inserito nella Rock and Roll Hall of Fame al terzo posto della classifica Definitive 200 Albums of All Time. L’autorevole rivista Rolling Stone lo ha definito il 12° album più grande di tutti i tempi, mentre Time lo ha definito «il più grande album pop di tutti i tempi» e The Independent lo ha dichiarato «l’album più stimolante di tutti i tempi».

Nel corso del tempo, Thriller si è rivelato un album tanto influente quanto ispiratore, come dimostra il fatto che il suo ineguagliabile successo, il suo stile abbagliante e l’eleganza della sua concezione hanno cambiato ogni aspetto della cultura e dell’intrattenimento, con un successo che si è propagato in tutta la società. In particolare, Thriller ha saputo conquistare i canali mainstream e il pubblico bianco in una misura che nessun musicista nero era riuscito a raggiungere da decenni (se non mai), ha spinto MTV a offrire agli artisti neri una piattaforma molto più vasta, ha elevato la coreografia e la danza a forme d’arte di livello superiore, ha contribuito ad abbattere barriere razziali di lunga data e ha concretamente favorito un radicale ripensamento della musica attraverso un mix di generi e colori senza distinzione di pop, funk, disco, soul e rock trasmessa con brio cinematografico, ambizione smisurata e incontenibile energia.

Oggi non è assolutamente possibile sottovalutare l’influenza che Thriller ha avuto su moltissimi artisti successivi. Per esempio, Thriller ha aperto una nuova galassia che Prince ha ben presto colonizzato. È lo stesso universo in cui sono entrati negli anni Novanta Usher, Maxwell e Jamiroquai e in cui oggi orbitano headliner contemporanei come Beyonce, Justin Timberlake e Bruno Mars.

Le loro identità artistiche che si confondono con lo stile, le loro fondamenta R&B e i loro approcci interdisciplinari si ricollegano direttamente a quelli di Thriller. In particolare, il primo singolo dell’album – “The Girl Is Mine”, un duetto scritto a quattro mani con la leggenda dei Beatles Paul McCartney – ha ribadito l’indisponibilità del disco a rivolgersi esclusivamente a una sola razza, una generazione, una classe o uno stile. Eddie Van Halen – all’epoca considerato il più grande chitarrista rock del mondo – svolse un ruolo simile eseguendo l’elettrizzante assolo di “Beat It”.

Michael Jackson, Quincy Jones e gli altri componenti della band fecero il resto. Basta fare cadere la puntina su un qualsiasi brano di Thriller e si viene immediatamente colti da un irrefrenabile desiderio di muovere i piedi. Così come le sensazioni di familiarità, di piacere, di divertimento e di anima. Che si tratti della spavalderia trafelata e carica di bassi di “Billie Jean”, della scivolata post-disco con accenti di tromba della critica al gossip “Wanna Be Startin’ Somethin”, del ritmo incalzante della lussureggiante “P. Y. T. (Pretty Young Thing)”, la dolce ballata e il liquido fraseggio vocale di “Human Nature”, il vivido ibrido di funk-disco, il dramma da film dell’orrore del brano che dà il titolo all’album o il portamento da strada e la fantasia ritmica di “Beat It”, Thriller non molla mai.

Michael Jackson

Wanna Be Startin’ Somethin’

Baby Be Mine

The Girl Is Mine

Thriller

Beat It

Billie Jean

Human Nature

P.Y.T. (Pretty Young Thing)

The Lady in My Life

16 altri prodotti nella stessa categoria:

arrow_upward